Come tutti sapete, la presenza di un soggetto positivo all’interno di una classe, ci impone l’immediata attivazione della Didattica a Distanza e la segnalazione della situazione al Dipartimento di Prevenzione dell’ASL, con i dati utili per il contatto diretto con le persone coinvolte.

A questo punto la scuola ha terminato la fase di sua competenza.

Il Dipartimento di Prevenzione (ASL) valuta la situazione e prende i provvedimenti necessari, ad esempio la quarantena.

Di conseguenza il rientro a scuola, sia per gli studenti che per il personale, può avvenire dietro presentazione di certificato medico oppure con provvedimento dell’ASL che stabilisce la fine della quarantena. In questo secondo caso sarà sufficiente produrre una auto dichiarazione da cui risulti l’assenza di sintomi.

L’autodichiarazione può essere redatta su foglio bianco, firmata e consegnata in Vicepresidenza al momento dell’ingresso, il modulo è di seguito allegato.

La scuola non accetta “l’esito negativo di tampone”, quest’ultimo deve essere valutato da un medico. Sono a conoscenza del fatto che molti MMG (Medici di Medicina Generale) rifiutano di certificare il rientro a scuola non essendoci un preciso accordo tra i diversi servizi sanitari coinvolti tuttavia non ho competenza per dirimere la questione. Comprendo le difficoltà delle famiglie e del personale che patisce il sovraccarico ed il ritardo del Dipartimento di Prevenzione tuttavia la procedura è rigida. Prego il personale e le famiglie interessate di non chiedere deroghe o alternative perché non ci sono eccezioni possibili. Le continue richieste purtroppo intasano il centralino e le mail della scrivente e della vicepresidenza.

 

LA DIRIGENTE SCOLASTICA
Prof.ssa Elena Maria GARRONE


Circ 2020-21 026